FindmyPublisher.com


New
  • Short story
  • Italian
  • Italian
  • Profile image
    Lalineascritta Laboratori di Scrittura Italian Historical fiction, Poetry, Short story, Fiction narrative, Romance
  • Fri, 13 Mar 2015
  • Mon, 12 Apr 2021

Other Synopsis from Lalineascritta Laboratori di Scrittura
"Isabelle" di Lorenzo Ca... by Lalineascritta Laboratori di Scrittura Genre: Short story "La testa mi gira e le gambe mi tremano. Un brivido m'ha catturato, dal collo ..."
Read more >>>
"Centocinquanta" di Deli... by Lalineascritta Laboratori di Scrittura Genre: Short story "- Mamma ti prego, no, a che serve? Ormai sono grande, mi scapperà da ridere,..."
Read more >>>
"Fino all'ultimo cane" d... by Lalineascritta Laboratori di Scrittura Genre: Short story "“Aspetti?” Le rispondo, aspetto, e continuo a scrutare il cielo notturno; qui..."
Read more >>>
Recommended Synopsis
"Il Pretesto" di Maria T... by Lalineascritta Laboratori di Scrittura Genre: Short story "I gradini del Tribunale sono lisi. L’aria è umida. Il sole preme dietro le nu..."
Read more >>>
"Protesi" di Carla Isern... by Lalineascritta Laboratori di Scrittura Genre: Short story "Quando Maddalena mi è venuta a prendere era ancora notte. Per strada solo cor..."
Read more >>>
"Paziente Zero" di Guido... by Lalineascritta Laboratori di Scrittura Genre: Short story "Il cervello sembra esplodermi, i polmoni mi vanno a fuoco e il viso gronda su..."
Read more >>>
  • "L'Incidente" di Domenico Esposito - Racconto Breve

  • Excerpt:

    Non torno ad Acciaroli dall’estate in cui io e mio padre smettemmo di parlarci, quando avevo otto anni. Papà aveva comprato casa lì per andare in villeggiatura ogni benedetta vacanza, visto che adorava il mare. La prima domenica di agosto – tassativamente alle quattro di notte, per evitare il traffico – tutti i membri della famiglia erano felici di ammassarsi dentro un Opel Agila piena fino all’inverosimile di valigie e borse; tutti tranne me. Odiavo il mare, la nostra casa che puzzava sempre di umido e sale, la gente del posto, la monotonia di tre settimane, i cui giorni trascorrevano lenti e uguali tra loro. Soprattutto odiavo mio padre.